Sei un creatore consapevole o non consapevole? Come capire che tipo di creatore sei

Di solito inizio i miei articoli scrivendo “Cari creatori consapevoli” perché siamo tutti dei creatori e nel fondo coltivo la speranza che tutti possano esserne consapevoli.
Esattamente avete letto bene, tutti noi siamo creatori. Abbiamo le capacità e i mezzi per essere creatori della nostra vita e di viverla come vogliamo. Infatti tutto ciò che abbiamo ottenuto nella vita, sia le cose belle che quelle brutte, le abbiamo attratte a noi.
So che alcuni di voi mi diranno: “Ma tutte le cose brutte che mi sono successe nella vita non le ho desiderate. Questa non è la vita che voglio.” Ebbene, tenetevi forte. Tutto nella vita lo attraete a voi perché voi lo volete, che vi piaccia o no.



Tutti siamo creatori

Tutti quanti abbiamo il potere e i mezzi di essere i creatori della nostra vita e del nostro futuro, ma non sappiamo come fare.

Immaginate di avere una televisione e che per farla funzionare dovete usare un telecomando. Immaginate anche che non sapete come funziona il telecomando e che nessuno vi ha spiegato come usarlo. Inizierete a fare tentativi a casaccio fino a quando non riuscirete ad accedere la televisione. Ora che l’avete accesa dovete cercare un canale di documentari, quindi iniziate a spingere pulsanti ed iniziate a fare uno zapping insensato e frenetico. Dopo un paio di ore di infruttuosa ricerca trovate una canale di programmi di cucina. Sono già due ore che cercate il canale che desideravate vedere senza trovarlo ed ormai siete stanchi, non avete più voglia di continuare la ricerca, quindi vi accontentate di vedere alcuni programmi culinari.

Questo è quello che succede alla maggior parte delle persone. Passa tutto il tempo cercando di fare ciò che vuole ma poi non sapendo come creare la propria vita decidono di accontentarsi e vivere una vita con meno rischi possibili.

Altre persone invece mettono il primo canale che gli capita e aspettano che il programma che vogliono vedere sia trasmesso su quel canale, con il risultato che aspetteranno invano vedendo trasmissioni che realmente non vogliono vedere e che, con tutta probabilità, odiano.

Immaginate invece se chi vi dà la televisione ed il telecomando vi spiegasse per filo e per segno come funziona, sicuramente il risultato sarebbe diverso. In meno di cinque minuti sarete seduti sul vostro divano a godervi un bel documentario.



Cosa significa diventare un creatore consapevole?

Significa, in primo luogo, essere consapevoli d’essere creatori. Molti di noi non sanno di esserlo ma quando capiscono che tutto ciò che vivono nella loro vita si materializza perché lo hanno voluto loro allora le cose iniziano a cambiare. La consapevolezza inizia con un cambio di attitudine. Siate più positivi. Sembra banale dirlo ma il detto: “Sorridi e la vita ti sorriderà!” è vero.
Noterete dei piccoli cambiamenti nella vostra vita che vi sbalordiranno, le cose inizieranno a incastrarsi, i problemi a risolversi e si presenteranno nuove opportunità.
Quando inizierete a vedere che le cose inizieranno a girare nel verso che volete solo con questo semplice “cambio di polarità” allora avete fatto il pimo passo per essere dei veri creatori consapevoli.

Questa è la sostanziale differenza tra un creatore non consapevole e uno consapevole. Il primo crea senza nessun controllo dei risultati con il rischio di materializzare cose che non desidera (qui entrano in gioco aspetti più complessi come le paure, i paradigmi e i blocchi incoscenti, cose di cui ho parlato e parleremo inquesto blog) mentre il secondo conosce e sa come utilizzare il proprio “potere di creazione” e canalizza la sua capacità per materializzare quello che desidera. Bisogna conoscere almeno le basi della legge d’attrazione.

Come vedete il concetto è semplice ma la messa in pratica è piuttosto difficile perché dobbiamo lottare contro noi stessi, contro i nostri paradigmi. Dobbiamo avere obiettivi chiari e cercare in tutti i modi di non farci influenzare negativamente dal modo che ci circonda.