Sei un creatore consapevole o non consapevole? Come capire che tipo di creatore sei

Di solito inizio i miei articoli scrivendo “Cari creatori consapevoli” perché siamo tutti dei creatori e nel fondo coltivo la speranza che tutti possano esserne consapevoli.
Esattamente avete letto bene, tutti noi siamo creatori. Abbiamo le capacità e i mezzi per essere creatori della nostra vita e di viverla come vogliamo. Infatti tutto ciò che abbiamo ottenuto nella vita, sia le cose belle che quelle brutte, le abbiamo attratte a noi.
So che alcuni di voi mi diranno: “Ma tutte le cose brutte che mi sono successe nella vita non le ho desiderate. Questa non è la vita che voglio.” Ebbene, tenetevi forte. Tutto nella vita lo attraete a voi perché voi lo volete, che vi piaccia o no.



Tutti siamo creatori

Tutti quanti abbiamo il potere e i mezzi di essere i creatori della nostra vita e del nostro futuro, ma non sappiamo come fare.

Immaginate di avere una televisione e che per farla funzionare dovete usare un telecomando. Immaginate anche che non sapete come funziona il telecomando e che nessuno vi ha spiegato come usarlo. Inizierete a fare tentativi a casaccio fino a quando non riuscirete ad accedere la televisione. Ora che l’avete accesa dovete cercare un canale di documentari, quindi iniziate a spingere pulsanti ed iniziate a fare uno zapping insensato e frenetico. Dopo un paio di ore di infruttuosa ricerca trovate una canale di programmi di cucina. Sono già due ore che cercate il canale che desideravate vedere senza trovarlo ed ormai siete stanchi, non avete più voglia di continuare la ricerca, quindi vi accontentate di vedere alcuni programmi culinari.

Questo è quello che succede alla maggior parte delle persone. Passa tutto il tempo cercando di fare ciò che vuole ma poi non sapendo come creare la propria vita decidono di accontentarsi e vivere una vita con meno rischi possibili.

Altre persone invece mettono il primo canale che gli capita e aspettano che il programma che vogliono vedere sia trasmesso su quel canale, con il risultato che aspetteranno invano vedendo trasmissioni che realmente non vogliono vedere e che, con tutta probabilità, odiano.

Immaginate invece se chi vi dà la televisione ed il telecomando vi spiegasse per filo e per segno come funziona, sicuramente il risultato sarebbe diverso. In meno di cinque minuti sarete seduti sul vostro divano a godervi un bel documentario.



Cosa significa diventare un creatore consapevole?

Significa, in primo luogo, essere consapevoli d’essere creatori. Molti di noi non sanno di esserlo ma quando capiscono che tutto ciò che vivono nella loro vita si materializza perché lo hanno voluto loro allora le cose iniziano a cambiare. La consapevolezza inizia con un cambio di attitudine. Siate più positivi. Sembra banale dirlo ma il detto: “Sorridi e la vita ti sorriderà!” è vero.
Noterete dei piccoli cambiamenti nella vostra vita che vi sbalordiranno, le cose inizieranno a incastrarsi, i problemi a risolversi e si presenteranno nuove opportunità.
Quando inizierete a vedere che le cose inizieranno a girare nel verso che volete solo con questo semplice “cambio di polarità” allora avete fatto il pimo passo per essere dei veri creatori consapevoli.

Questa è la sostanziale differenza tra un creatore non consapevole e uno consapevole. Il primo crea senza nessun controllo dei risultati con il rischio di materializzare cose che non desidera (qui entrano in gioco aspetti più complessi come le paure, i paradigmi e i blocchi incoscenti, cose di cui ho parlato e parleremo inquesto blog) mentre il secondo conosce e sa come utilizzare il proprio “potere di creazione” e canalizza la sua capacità per materializzare quello che desidera. Bisogna conoscere almeno le basi della legge d’attrazione.

Come vedete il concetto è semplice ma la messa in pratica è piuttosto difficile perché dobbiamo lottare contro noi stessi, contro i nostri paradigmi. Dobbiamo avere obiettivi chiari e cercare in tutti i modi di non farci influenzare negativamente dal modo che ci circonda.

Recensione: Il monaco che vendette la sua Ferrari di Robin Sharma

Recensione: Il monaco che vendette la sua Ferrari – Dal titolo curioso questo libro nell’arco di circa 15 anni è diventato un classico di quella che si può definire letteratura spirituale.




Il monaco che vendette la sua Ferrari

Julian Mantle un avvocato di successo soffre un infarto. Questo evento drammatico della sua vita lo fa riflettere e lo spinge verso un importante cambiamento: vende tutti i suoi beni materiali e parte per l’Himalaya. Quando ritorna è un uomo completamente cambiato il quale deve compiere un importante compito: condividere ciò che ha imparato ad un suo ex-collaboratore al quale gli racconterà i sette passi di una vita illuminata.

Il monaco che vendette la sua Ferrari: conclusioni

Un libro interessante con una trama semplice ma efficace per i contenuti. Robin, con una narrativa semplice e a tratti intrigante, scopre a poco a poco i dettagli della nuova vita di Julian destando nel lettore interesse. Nello stesso tempo però contraccambia la fiducia del lettore dandogli consigli illuminati che ogniuno può custdire e farne uso a suo piacimento. Con una curiosa storiella spiega i sette passi di una vita illuminata trattandoli poi nel dettaglio durante il libro. L’autore sa mescolare bene la narrativa con l’insegnamento spirituale senza annoiare.

Il monaco che vendette la sua Ferrari di Robin Sharma

La tavola di Smeraldo

La Tavola di smeraldo o smeraldina trovata in Egitto. Il testo era inciso su una lastra di smeraldo. Nel 1250 fu tradotta dall’arabo al latino e venne attribuita a Ermete Trismegisto, filosofo e studioso nell’egitto dell’età cristiana. Venne stampata nel 1541 nel De Alchemia di J. Patricius. Tradizionalmente si pensa che Trismegisto abbia inciso la tavola con una punta di diamante.




Ritrovamento della tavola di smeraldo

Sul suo ritrovamento ci sono varie ipotesi: si pensa che l’abbia trovata Sara, moglie di Abramo, altre fonti pensano che lo scopritore fu Apollonio di Tiana, altre invece Alessandro Magno. Si racconta anche che la tavola fu trovata in una cripta sotteranea fra le mani di Ermete.

L’importanza della tavola di Smeraldo

La tavola di smeraldo è la base sulla quale si è basata tutta la teoria dell’ermetismo (la parola ermetismo deriva appunto da Ermete). Da questa filosofia millenaria alla qule si ispirarono anche Platone e Aristotele non solo si generò una corrente di pensiero ma anche una religione: la religione ermetica.
Da questa filosofia nei primi anni del 1900 venne scritto il Kybalion dai tre iniziati i quali spiegano le sette leggi dell’ermetismo.

Tavola di Smeraldo
Testo in latino
Verum, sine mendacio certum et verissimum,quod est inferius, est sicut quod est superius, et quod est superius, est sicut quod est inferius: ad perpetranda miracula rei unius. Et sicut omnes res fuerunt ab uno, mediatione unius; sic omnes res natae fuerunt ab hac una re, adaptatione. Pater eius est sol, mater eius luna; portavit illud ventus in ventre suo: nutrix eius terra est. Pater omnis telesmi totius mundi est hic. Vis eius integra est, si versa fuerit in terram. Separabis terram ab igne, subtile a spisso, suaviter cum magno ingenio. Ascendit a terra in coelum, iterumque descendit in terram, et recipit vim superiorum et inferiorum. Sic habebis gloriam totius mundi. Ideo fugiat a te omnis obscuritas. Hic est totius fortitudinis fortitudo fortis; quia vincet omnem rem subtilem, omnemque solidam penetrabit. Sic mundus creatus est. Hinc erunt adaptationes mirabiles, quarum modus hic est. Itaque vocatus sum Hermes Trismegistus, habens tres partes philosophiæ totius mundi. Completum est quod dixi de operatione solis.
Traduzione
È vero senza menzogna, certo e verissimo, che ciò che è in basso è come ciò che è in alto e ciò che è in alto è come ciò che è in basso per fare i miracoli di una sola cosa. E poiché tutte le cose sono e provengono da una sola, per la mediazione di una, così tutte le cose sono nate da questa cosa unica mediante adattamento. Il Sole è suo padre, la Luna è sua madre, il Vento l’ha portata nel suo grembo, la Terra è la sua nutrice. Il padre di tutto, il fine di tutto il mondo è qui. La sua forza o potenza è intera se essa è convertita in terra. Separerai la Terra dal Fuoco, il sottile dallo spesso dolcemente e con grande ingegno. Sale dalla Terra al Cielo e nuovamente discende in Terra e riceve la forza delle cose superiori e inferiori. Con questo mezzo avrai la gloria di tutto il mondo e per mezzo di ciò l’oscurità fuggirà da te. Questa è la forte fortezza di ogni forza: perché vincerà ogni cosa sottile e penetrerà ogni cosa solida. Così è stato creato il mondo. Da ciò deriveranno meravigliosi adattamenti, il cui metodo è qui. È perciò che sono stato chiamato Ermete Trismegisto, avendo le tre parti della filosofia di tutto il mondo. Completo è quello che ho detto dell’operazione del Sole.

Le sequenze numeriche russe

Uno studioso russo, dalle iniziali G. G., ha sviluppato una serie di numeri con i quali possiamo come “resettare” la nostra anima. Questi vengono definiti i sequenze numeriche russe.

Così facendo riallineamo la nostra anima secondo le impostazioni animiche di base, come se resettassimo un computer, e cosí siamo più propensi a creare quello che desideriamo.




Le sequenze numeriche russe: Chi è G.G.

G. G. è nato il 14 novembre del 1963 in Kazakistan. Ha studiato nell’Università di Tashket luaereandosi nel 1986. È mondialmente riconosciuto come un accademico, studioso e chiaroveggente. Grazie alle sue capacità poteve riscontrare difetti tecnologici in auto e aereoplani con la sua visione a distanza.
I suoi studi lo hanno portato a redigere una serie di numeri i quali resettano lo spirito e lo allineano alla sua più pura natura.

Il suo lavoro ha come obiettivo quello di prevenire catastrofi che possono distruggere il mondo. Quindi gli studi di G. si centrano esclusivamente alla salvezza del mondo, dell’individuo e distribuire le tecniche per uno svilupppo armonico mondiale.

Le sequenze numeriche





Lo studio del signor G. partono sulla base dello studio dei numeri effettuato da Pitagora, il quale sosteneva che “il mondo è governato dai numeri“. Infatti secondo i suoi studi tutto è basato sui numeri.
Il concetto pitagorico, se consideriamo il fatto che tutta la materia è vibrazione secondo la fisica quantistica, è basicamente giusto dato che le vibraioni si possono definire con numeri.
G. prende questo concetto e lo sviluppo sulla persona, sostenendo che ogni numero ha una sua frequenza e questa frequenza influisce sul nostro corpo.
G. sviluppa una serie interminabile di numeri da 1 a 25 cifre (con e senza spazi) con una funzione determinata. I campi su cui si focalizzano questi codici sono molteplici: salute, finanza, questioni professionali e molto altro. Ogni numero di secondo G. ha una relazione:

  • 1: iniziazione
  • 2: azione
  • 3: target
  • 4: relazione con il mondo estero – Comunicazione – Contatto sociale – realtà
  • 5: relazione con il mondo interior – autostima – livello cellulare – coscienza del proprio valore
  • 6: informazioni a livello ottico – principi – valori
  • 7: piattaforma agli aspetti dello sviluppo dell’anima – amore
  • 8: struttura spazio-temporale – verso l’infinito
  • 9: relazione con il numero creatore – creatore che ha tutti questi elementi
  • 0: perodo di transizione – nome di una area specifica in qualità di un numero che cambia

Ecco una spiegazione su come funzionano i codici, portiamo come esempio il codice 4812412 (sovrappeso)

  • 4: relazione con il mondo esteriore
  • 8: tempo infinito, trasformare la realtà
  • 1: un nuovo inizio
  • 2: iniziare dal principio,una nuova azione
  • 4: si genera una nuova connessione con il mondo esteriore
  • 1: nuovo inizio con nuove relazioni al mondo esteriore
  • 2: dal nuovo stato si generano nuove azioni

Il risultato di questa serie è che il corpo inizia ad agire in modo differente e cerca di ritornare com il suo programma base con la conseguente spariozione del sovrappeso.

Alcuni delle sequenze numeriche russe

I codici di G. sono molti e lavorano su vari aspetti della nostra vita: dalla salute alla finanza, dall’individuo alla comunità intera. Questi sono alcuni codici con i quali si può iniziare a lavorare:

  • 520: denaro inaspettato
  • 318 798: abbondanza finanziaria
  • 741: soluzione immediata
  • 71427321893: prosperità
  • 5148123: allegria/gratitudine all’ universo

Come mettere in pratica queste sequenze numeriche ruse





Ecco come si utilizzano i numeri di G.:

  • scrivere il numero su un bottiglia d’acqua e ogni volta che si beve mentalizzare il codice (consigliato sopratutto per codici relazionati alla salute)
  • se il codice ha spazi bisogna sempre rispettarli con una pausa
  • pronunciare sempre i codici una cifra alla volta
  • se siete neofiti a questa pratica si consiglia di lavorare su codici semplici
  • incollare dei post-it con i codici scritti in tutti i posti visibili: specchi, porte, barattoli etc.
  • se i codici riguardano la salute si consiglia di metterli sotto il cuscino
  • se i codici riguardano le vostre finanze mettetelo nel portafoglio
  • se il codice riguarda armonizzazione personale mettetelo nel polso sinistro

Possiamo anche decidere di effettuare gli esercizi di concentrazione quotidiana ma questo prevede uno studio più approfondito sull’argomento.